Detrazioni fiscali 2017

Inserito il 23/12/2016

Fisco

Di seguito riportiamo la tabella riepilogativa delle detrazioni fiscali - Valide per il 2017 - per le ristrutturazioni edilizie, acquisto mobili, interventi di risparmio energetico e antisismici come previste dalla legge di bilancio pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

1 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (detrazione Irpef) Oggetto dell’agevolazione

- Per le singole unità immobiliari residenziali: interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia

- Per le parti comuni di edifici residenziali: interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia

- Realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, eliminazione di barriere architettoniche, bonifica dall’amianto, opere per evitare infortuni domestici, interventi per prevenire atti illeciti, cablatura edifici ecc.

Importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione

- dal 26.6.2012 fino al 31.12.2017 = 96.000 euro

- dall’1.1.2018 = 48.000 euro Misura della detrazione (dall’imposta lorda)

-  dal 26.6.2012 fino al 31.12.2017 = 50%, in dieci quote annuali

-  dall’1.1.2018 = 36%, in dieci quote annuali


2 ACQUISTO MOBILI E GRANDI ELETTRODOMESTICI (detrazione Irpef) Oggetto dell’agevolazione

- Acquisto di mobili e di “grandi elettrodomestici” (es.: frigoriferi e lavastoviglie) di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), per apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, “finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione” Importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione

- a) dal 6.6.2013 fino al 31.12.2017 = 10.000 euro (le spese di cui alla presente misura sono computate, ai fini della fruizione della detrazione d’imposta, indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione che fruiscono delle detrazioni Irpef)

- b) dall’1.1.2016 fino al 31.12.2016 = 16.000 euro delle spese documentate per l’acquisto di mobili ed arredo per l’abitazione principale a favore delle giovani coppie (costituenti un nucleo familiare composto da coniugi o da conviventi more uxorio, da almeno tre anni, in cui uno dei due non abbia superato i 35 anni) “acquirenti di unità immobiliare da adibire ad abitazione principale”. Tale beneficio non è cumulabile con la misura di cui al punto a). Misura della detrazione (dall’imposta lorda)

- dal 6.6.2013 fino al 31.12.2016 = 50%, in 10 quote annuali

- dall’1.1.2016 fino al 31.12.2016 = 50% (acquisto mobilio giovani coppie), in 10 quote annuali

- dall’1.1.2017 fino al 31.12.2017= 50% delle spese di cui al punto a), in 10 quote annuali, sostenute nell’anno 2017, limitatamente a interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuati nell’anno 2016 o iniziati nel 2016 e proseguiti nel 2017

3 INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO (detrazione Irpef/Ires) Oggetto dell’agevolazione

- Interventi finalizzati alla riqualificazione energetica degli edifici

- Dall’1.1.2016 sono detraibili anche le spese sostenute per l'acquisto, l'installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative, volti ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento efficiente degli impianti. Importo massimo della detrazione

- dal 6.6.2013 fino al 31.12.2017 = interventi per la riduzione del fabbisogno energetico di edifici esistenti: 100.000 euro; interventi riguardanti pareti, finestre (compresi gli infissi) su edifici esistenti: 60.000 euro; installazione di pannelli solari: 60.000 euro; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale: 30.000 euro

- dall’1.1.2018 = si applicano le regole ed i limiti sugli interventi relativi alle ristrutturazioni edilizie Misura della detrazione (dall’imposta lorda)

- dal 6.6.2013 fino al 31.12.2017 = 65%, in 10 quote annue

- dall’1.1.2018 = 36%, in 10 quote annue

4 INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO PARTICOLARMENTE RILEVANTI (detrazione Irpef/Ires) Oggetto dell’agevolazione

- Interventi di risparmio energetico riguardanti parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 (condominio) e 1117-bis (supercondominio) del codice civile o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio Importo massimo della detrazione

- dal 6.6.2013 fino al 31.12.2021 = interventi per la riduzione del fabbisogno energetico di edifici esistenti: 100.000 euro; interventi riguardanti pareti, finestre (compresi gli infissi) su edifici esistenti: 60.000 euro; installazione di pannelli solari: 60.000 euro; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale: 30.000

- dall’1.1.2022 = si applicano le regole ed i limiti sugli interventi relativi alle ristrutturazioni edilizie Misura della detrazione (dall’imposta lorda)  dal 6.6.2013 fino al 31.12.2016 = 65%, in 10 quote annuali

- dall’1.1.2017 = 36%, in 10 quote annuali Cessione crediti ai fornitori Per le spese sostenute dall’1.1.2016 al 31.12.2017 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, i soggetti che si trovano nella “no tax area” (pensionati, dipendenti e autonomi), in luogo della detrazione dall’imposta lorda, possono optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato i predetti interventi. Le modalità per effettuare tale cessione sono indicate nel provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate del 22.3.2016.

5 SPECIFICI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SULLE PARTI COMUNI DI EDIFICI CONDOMINIALI (detrazione Irpef/Ires) Oggetto dell’agevolazione a) Interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo b) Interventi di riqualificazione energetica relativi alle parti comuni di edifici condominiali finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguono almeno la qualità media di cui al d.m. Ministero dello sviluppo economico 26.6.’15 Importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione  Dall’1.1.2017 fino al 31.12.2021 = 40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio  dall’1.1.2022 = si applicano le regole ed i limiti sugli interventi relativi alle ristrutturazioni edilizie Misura della detrazione (dall’imposta lorda)

- Dall’1.1.2017 fino al 31.12.2021 = 70%, per le spese di cui al punto a), in 10 quote annuali

- Dall’1.1.2017 fino al 31.12.2021 = 75%, per le spese di cui al punto b), in 10 quote annuali

- Dall’1.1.2022 = 36%, in 10 quote annuali Asseverazione La sussistenza dei requisiti di cui ai punti a) e b) è asseverata da professionisti abilitati mediante l’attestazione di prestazione energetica degli edifici di cui al d.m. Ministero dello sviluppo economico 26.6.’15. Cessione crediti ai fornitori Per le spese sostenute dall’1.1.2017 al 31.12.2021 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali di cui ai punti a) e b), i soggetti beneficiari, in luogo della detrazione dall’imposta lorda, possono optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato i predetti interventi ovvero ad altri soggetti privati, con facoltà di successiva cessione del credito (con esclusione di cessione ad istituti di credito e ad intermediari finanziari). Le modalità per effettuare tale cessione saranno definite con apposito provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate.

6 INTERVENTI ANTISISMICI (detrazione Irpef/Ires*) Oggetto dell’agevolazione

- Specifici interventi su edifici (adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive) ricadenti nelle zone sismiche 1 e 2 le cui procedure autorizzatorie sono iniziate, da ultimo, dopo l’1.1.2017

- Dall’1.1.2017 sono detraibili anche le spese effettuate per la classificazione e verifica sismica degli immobili. Importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione

- fino al 31.12.2016 = 96.000 euro

- dall’1.1.2017 fino al 31.12.2021 = 96.000 euro

- dall’1.1.2022 = 48.000 euro Misura della detrazione (dall’imposta lorda)

- fino al 31.12.2016 = 65%, in dieci quote annuali  dall’1.1.2017 al 31.12.2021 = 50%, in cinque quote annuali

- dall’1.1.2022 = 36%, in dieci quote annuali Ulteriori interventi L’agevolazione di cui alla presente scheda, dall’1.1.2017 al 31.12.2021 si applica anche agli edifici ubicati nella zona sismica 3 le cui procedure autorizzatorie sono iniziate dopo l’1.1.2017 Misure potenziate della detrazione

- Elevata al 70%, qualora dagli interventi derivi una riduzione di rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore

- Elevata all’80%, qualora dagli interventi derivi una riduzione di rischio sismico che determini il passaggio a due classi di rischio inferiori

- Elevata al 75%, qualora dagli interventi, realizzati sulle parti comuni condominiali, derivi una riduzione di rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore

- Elevata all’85%, qualora dagli interventi, realizzati sulle parti comuni condominiali, derivi una riduzione di rischio sismico che determini il passaggio a due classi di rischio inferiori Linee guida Le linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni nonché le modalità di attestazione da parte di professionisti abilitati dell’efficacia degli intervenenti effettuati saranno stabilite con apposito decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Cessione crediti ai fornitori Per le spese sostenute dall’1.1.2017 al 31.12.2021 per interventi antisismici realizzati su parti comuni degli edifici condominiali, i soggetti beneficiari, in luogo della detrazione dall’imposta lorda, possono optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato i predetti interventi ovvero ad altri soggetti privati, con facoltà di successiva cessione del credito (con esclusione di cessione ad istituti di credito e ad intermediari finanziari). Le modalità per effettuare tale cessione saranno definite con apposito provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate. Divieto di cumulo Le detrazioni di cui alla presente scheda non sono cumulabili con agevolazioni spettanti per le stesse finalità sulla base di norme speciali per interventi in aree colpite da eventi sismici.

*Sulla base dell’interpretazione dell’Agenzia delle entrate Fonte: Confedilizia

Richiedi informazioni

Codice Immobile

*I campi sono obbligatori
**E' obbligatorio indicare almeno un recapito, telefono o email

In ottemperanza agli obblighi giuridici dettati dal legislatore a tutela della Privacy (arti 3 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003), la nostra Agenzia Immobiliare desidera informarLa in via preventiva tanto dell'uso dei Suoi dati personali, quanto dei Suoi diritti, comunicandoLe quanto segue:
  1. I dati che Lei conferirà saranno trattati nel rispetto dei principi di liceità, correttezza, pertinenza e non eccedenza al solo fine di adempiere all'incarico di mediazione per acquisto/ vendita / locazione relativo all'immobile di Suo interesse; in ogni caso saranno conservati per un periodo di tempo non superiore a quello strettamente necessario al conseguimento della finalità medesima;
  2. Il conferimento dei dati è obbligatorio per dare corso ai rapporto negoziale citato ed il mancato conferimento impedisce la conclusione dello stesso;
  3. Il conferimento dei dati previsti dalla normativa in materia di antiriciclaggio è obbligatorio e l'eventuale rifiuto di rispondere preclude la prestazione professionale richiesta. Al riguardo si precisa che il trattamento dei dati personali connesso agli obblighi antiriciclaggio avrà luogo avendo riguardo alle specifiche modalità di esecuzione imposte agli operatori non finanziari dal Regolamento in materia di identificazione e conservazione delle informazioni previsto dall'art. 3 comma 2, del D.Lgs. n. 56/2004 ed adottato con D.M. n. 143/2006;
  4. Il trattamento sarà effettuato mediante elaborazione ed archiviazione in forma cartacea e con l'ausilio di strumenti elettronici, strettamente necessari per fornirLe il servizio richiesto, ed inseriti in una banca dati collocata all'interno della nostra struttura, il trattamento può comportare le operazioni previste dall'art. 4, comma 1, letta) del D.Lgs. n. 196/2003 (raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, confronto, utilizzo, interconnessione, blocco, distruzione dei dati, cancellazione, ecc.);
  5. Nell'ambito del trattamento i dati vengono a conoscenza dei dipendenti dell'Agenzia e/o dei collaboratori: esterni incaricati dalla nostra Agenzia di espletare, nel rispetto della normativa sulla privacy, accertamenti presso i pubblici registri (Conservatoria dei Registri Immobiliari, Catasto, ecc.) ;
  6. I dati potranno essere comunicati a soggetti iscritti all'albo dei commercialisti e dei revisori contabili ed a consulenti del lavoro, nonché ad istituti bancari e finanziari o altri soggetti dei quali l'Agenzia si serve ed ai quali il trasferimento dei dati risulti necessario per l'adempimento degli obblighi amministrativi, contabili e gestionali legati all'ordinario svolgimento della nostra attività economica e per lo svolgimento dell'attività della nostra Agenzia in relazione all'assolvimento, da parte nostra, delle obbligazioni contrattuali assunte nei Suoi confronti;
  7. I dati potranno essere comunicati, ove necessario, a Agenzie di recupero crediti e soggetti iscritti nell'albo degli avvocati o a enti pubblici per informazioni richieste dagli stessi o da soggetti all'uopo incaricati da questi ultimi per l'ottenimento di finanziamenti pubblici;
  8. Il Titolare del trattamento è "Studio Mozzate sas".
  9. Ai sensi dell'art.7 del suddetto D.Lgs.196/2003, Lei ha il diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati presso la nostra Agenzia rivolgendosi, direttamente o per il tramite di un suo delegato, al Titolare del trattamento; ha inoltre il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, di chiederne il blocco e di opporsi al loro trattamento. Più precisamente, la cancellazione e il blocco riguardano i dati trattati in violazione di legge. Per l'integrazione occorre vantare un interesse. L'opposizione può essere sempre esercitata nei riguardi del materiale commerciale pubblicitario, della vendita diretta o delle ricerche di mercato; negli altri casi, l'opposizione presuppone un motivo legittimo.
Campo obbligatorio   dichiaro di aver preso visione e compreso l'informativa sulla privacy